Brave new world

Phnom Penh è una città molto bella, e le attrazioni per i turisti sono curate ed accoglienti, e non mancano di riempire le macchine fotografiche.
Purtroppo (forse) non sono attrazioni così grandi il Museo Nazionale, il Palazzo reale e la Pagoda d’argento e per godersele appieno, se non si dispone di una buona guida ferrata che faccia il lavoro sporco per voi, conviene leggiucchiarsi qualche testo. Giusto per non farsi scorrere davanti i manufatti ed ingrassare il coro stupefatto di “ohhhh” senza sapere cosa si stia guardando.
Cosa che ovviamente è successo a me. Però i posti meritano veramente, e se avete la fortuna di non trovarvi di fronte grosse flotte di turisti, potete leggervi in tutta tranquillità i depliant che trovate all’ingresso oppure le descrizioni sotto.
Grazie al mio nuovo amico sono riuscito a coprire tutte le distanze in breve tempo, e a rendermi conto che personalmente forse l’attrazione più bella di Phnom Penh sia andare in giro in motorino e vedersela nella fìumana di mezzi nella quale ci si mescola, pregando sempre che tutto vada bene.
Perché è una vera avventura il traffico Cambogiano. Non ai livelli di quello di Saigon ma quel tanto che basta per ringraziare il buon tempone di turno che in Italia ti manderebbe a fare in culo se non ti fa passare sulle strisce. Al quale anzi chiederesti anche scusa.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s